Famiglie allargate: la fidanzata di papà

Cuore

Cosa passa nella mente di un bambino quando mamma e papà si separano e ciascuno si rifà una vita con un'altra persona? Ne parliamo su Confidenze a pag. 42 nella storia vera di Gianluca Recalcati

Per un certo periodo sono stata anch’io “la fidanzata di papà”. Quando ho conosciuto mio marito sua figlia Giulia aveva sei anni. Ricordo ancora il nostro primo incontro: l’occhiata fulminante lanciatami da lei sulle scale mobili dell’aeroporto di Fiumicino, mentre le sorridevo allungandole la Barbie portata in dono per il suo compleanno (seppi poi che odiava la Barbie…).

Da allora sono passati quasi vent’anni, in mezzo ci sono state le vacanze trascorse sempre insieme, le passeggiate in montagna, la nascita di un fratellino (nostro figlio) e anche tante incomprensioni, gelosie e rancori. Perché inutile negarlo, ciascuna di noi due si contendeva l’affetto “dell’uomo della sua vita”.

Mi sono sempre chiesta che sofferenza significhi per un bambino vedere la propria famiglia disgregarsi e mamma e papà rifarsi una nuova vita. Sono cresciuta  in una famiglia normale, non dico da“mulino bianco” ma quasi, però la vita mi ha riservato la possibilità di toccare con mano il dolore, la rabbia, la frustrazione e la gelosia che si crea in un bambino quando arriva un’altra persona accanto a  mamma o papà.

Così leggendo la storia vera di Chiara I colori della roccia, raccolta da Gianluca Recalcati  e pubblicata su Confidenze, ho rivisto in quella bambina triste e corrucciata la mia piccola Giulia e mi sono detta: “chissà quante volte avrebbe voluto passare un weekend sola con suo padre e invece c’ero anch’io a rompere…” e chissà quante volte anche lei si sarà sentita come Chiara, la protagonista del racconto: “Non capivo perché non potessi stare insieme a entrambi i miei genitori allo stesso tempo. Avevo undici anni. Non ho ancora trovato una risposta soddisfacente”.

A chi vive situazioni simili dico solo che ci vuole pazienza, tanta pazienza, e tempo, perché i legami si formano condividendo le cose insieme, e non escludendosi a vicenda.

A tutti  consiglio di leggere l’utile commento di Willy Pasini, psichiatra e psicologo, pubblicato nelle pagine del nostro racconto.

Confidenze