Grasso è bello?

Cuore

La vita delle persone in sovrappeso non è facile. E la parola grasso non fa quasi mai rima con felicità. Ne parliamo sul numero 44 di Confidenze

Dieci anni fa, la mia amica Laura pesava più di 100 chili. Il suo mantra era: «Mi piaccio così, la magrezza non fa la felicità, le donne in carne esprimono gioia».

In parte, la vita le dava ragione: era innamorata e sposata, progettava di allargare la famiglia (ma non riusciva a rimanere incinta), aveva tantissimi corteggiatori.

Poi, sono arrivati i problemi di salute: disturbi al cuore, ipertensione, dolori alle articolazioni. I medici le hanno detto chiaramente che, per stare meglio, doveva dimagrire. Tanto.

E lei si è messa a dieta.

Adesso pesa 60 chili e ha dovuto rivedere il suo punto di vista. «Certo, qualche volta grasso è bello» mi ha detto qualche giorno fa mentre facevamo una passeggiata al parco. «Ma quando si esagera e i chili di troppo diventano davvero troppi, si rischia la vita». Sante parole.

Onestamente, però, credo che Laura si piacesse di più prima: l’idea che le persone burrose siano più attraenti e soddisfatte non l’abbandonerà mai. E non è l’unica a vederla così: in questo periodo, molte modelle curvy, come l’americana Ashley Graham, piacciono e hanno successo anche per le loro forme generosissime

Parliamo di questo argomento sul numero 44 di Confidenze nell’articolo Vivere da obesi.

 

 

Confidenze