Brividi d’estate: 7 nuovi thriller da leggere

Gallery - Mondo

I nuovi thriller, appena arrivati in libreria, promettono letture ricche di curiosità, paura e colpi di scena. Dagli Stati Uniti al lago di Como, il delitto è servito. Chiacchieriamo un po’ con una delle autrici, poi scorrete la Gallery!

 

Elena Vesnaver, triestina di 56 anni, scrive racconti e romanzi, raccoglie storie vere per Confidenze ed è piena di progetti. Nell’ultimo libro, Il mistero della calle senza nome (Lisciani, 7,90 euro), racconta di una ragazza di 15 anni che, a Venezia, fa i conti con il furto di un gioiello prezioso.

Da dove nasce questo libro? «Quando Lisciani mi ha chiesto un giallo, ho subito pensato a Venezia, la città delle ombre. Un giallo nel capoluogo veneto mi sembrava perfetto e Madda, la protagonista, mi girava in testa da un po’. Avevo voglia di scrivere di lei, una ragazzina ribelle e amante dell’arte».

Ci racconti la tua giornata tipo da scrittrice? «Scrivo dalla mattina nel mio studio, sempre con un sottofondo musicale: di solito Ella Fitzgerald e Nina Simone, qualche volta Loreena McKennitt. Sarei una rockettara, ma per esempio i Led Zeppelin quando scrivo mi snervano. Poi, se riesco, smetto alle cinque e mi metto a leggere. Che per me è come fare un vero e proprio corso di aggiornamento. Se vuoi scrivere, devi leggere».

Stai scrivendo qualcosa di nuovo? «Sì, ho in ballo un progetto tosto. Sempre per Lisciani sto realizzando 32 ritratti di donne che hanno scelto di vivere libere, a modo loro».

Ci consigli qualche romanzo da leggere? «Le vedove di Malabar Hill e La pietra lunare di Satapur. Entrambi scritti da Sujata Massey, raccontano l’India degli anni Venti».

 

Da Confidenze n. 27

Confidenze