MENU

Ciliegie: riutilizziamo il picciolo!

Natura

Squisite e sanissime, le ciliegie. Dopo che hai mangiato la polpa, tieni da parte i peduncoli: servono a preparare un rimedio naturale efficace per ritenzione idrica e gonfiore

Difficile trovare qualcuno a cui non piacciano questi frutti. Succose, dolci, dissetanti e profumate, le prime ciliegie, con il loro capitale di antiossidanti, maturano alla fine della primavera e cominciano ad attrarre la vista prima ancora di conquistare il palato.

Se poi succede che “una tiri l’altra”, come recita il detto popolare, proprio quando gli sforzi per tenere sotto controllo il peso raggiungono l’apice, perché con il caldo ci si scopre sempre di più, non c’è motivo di preoccuparsi. Come tutta la frutta e la verdura fresche, le ciliegie sono alleate naturali della linea, grazie innanzitutto alla ricchezza di acqua e alla presenza di fibre. Non solo: là dove i chili in eccesso sono riconducibili alla ritenzione idrica più che ai depositi di grasso, le ciliegie offrono un vantaggio ulteriore, nascosto nella parte del frutto che generalmente si scarta: i piccioli.

I peduncoli delle ciliegie, infatti, sono ricchi di principi attivi con effetti diuretici e astringenti. Flavonoidi, tannini e altre sostanze sinergiche aiutano a contrastare il ristagno di liquidi a cui si deve il gonfiore che, soprattutto con l’innalzamento delle temperature, può interessare diverse zone del corpo e peggiorare persino la cellulite, compagna sgradita di molte donne.

Chi soffre di edemi e si ritrova spesso con caviglie, gambe, palpebre e braccia gonfie e appesantite dovrebbe quindi sì gustarsi la polpa delle ciliegie, ma anche tenere da parte i piccioli. Utilizzati come materia prima per ottenere una bevanda drenante, questi rametti, a prima vista così scialbi, diventano preziosi per stimolare l’eliminazione dei liquidi trattenuti in eccesso nei tessuti.

Preparare il decotto depurativo a base di piccioli di ciliegia è facilissimo: basta immergere in un pentolino d’acqua una manciata di peduncoli dopo averli lavati accuratamente, portare a bollore e far cuocere per una decina di minuti. Spenta la fiamma, non resta che lasciare riposare il liquido per altri dieci minuti, filtrare e sorseggiare.

Consiglio di bere due-tre tazze al giorno di questo decotto diuretico, senza aggiungere zucchero. Sei in giro per la maggior parte della giornata e hai poco tempo? Scegli di far bollire i piccioli la mattina, quando puoi sfruttare “i tempi morti” dell’infusione per rifare il letto, vestirti o apparecchiare la tavola per la colazione. Utilizza 20 grammi di gambi di ciliegia per un litro d’acqua, consuma subito una tazza della bevanda, lascia raffreddare e trasferisci il resto del preparato in una bottiglietta da infilare in borsa e portare con te in ufficio, in palestra, al mercato, al parco dove fai jogging o dovunque tu voglia (o debba) andare.

Confidenze