MENU

Cosa ne pensi?


Coronavirus: hai più paura del contagio ora?

Loading ... Loading ...

L’Italia è il terzo Paese al mondo per contagio da coronavirus dopo Cina e Corea del Sud e i casi negli ultimi due giorni si sono moltiplicati in modo esponenziale. Che cosa è cambiato da quando lanciammo questo sondaggio il 31 gennaio?

Il virus non ha più solo gli occhi a mandorla e ormai il contagio interessa persone di razza europea, come dimostrano tutti i casi d’infezione registrati nel nostro Paese: 325 mentre scriviamo.

L’ultimo, quello di un italiano risultato positivo al tampone, in vacanza Tenerife, dove più di 1000 persone sono state messe in quarantena. Mentre si svuotano interi paesi dell’hinterland milanese insieme agli scaffali del supermercato e a Milano sembra di essere ad agosto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità oggi sbarca nel nostro Paese per vedere di aiutare l’Italia a superare l’emergenza.

Eppure la popolazione sembra spaccata in due: da un lato c’è chi si lascia prendere dal panico di scuole e uffici pubblici chiusi in ben sette regioni italiane, riempie la cambusa come accadeva solo in tempo di guerra e va in giro solo guarnito di mascherina e guanti in lattice, dall’altro c’è chi non si lascia impressionare dall’escalation dei numeri e legge quei dati con maggior razionalità, pensando per esempio che in questa stagione solo in un giorno muoiono più di 100 persone per l’influenza e che le vittime decedute fino a oggi erano tutte persone con complicanze dovute ad altre sindromi in atto. Ma certo le misure di precauzione messe in atto sembrano persino spropositate rispetto alla gravità della malattia (leggo che nel 95% dei casi si guarisce). Per questo vi riproponiamo la stessa domanda:

Hai più paura del contagio ora? È cambiato qualcosa per te? Rispondi la nostro sondaggio sul blog

 

Commenti

  1. 1 febbraio 2020 / ore 08:02
    Stella

    Non vedo perché dovermi angosciare per qualcosa che ha le stesse probabilità di colpirmi, di un vaso che cade da un balcone.
    Lascio fare agli organi competenti e per quanto mi riguarda, uso le stesse precauzioni che sono quelle igieniche quotidiane.
    Vi rendete conto di cosa toccate ogni giorno e la carica batterica e virale che ci circonda?

    1. 25 febbraio 2020 / ore 12:36

      Cara Stella hai perfettamente ragione

  2. 10 febbraio 2020 / ore 22:18
    Concetta Melchiorre

    Assolutamente no

  3. 25 febbraio 2020 / ore 12:33

    Quando il nostro Sistema Immunitario è forte possiamo essere immuni contro questi micro organismi viventi.. La mia nonna che era una sciamana e curava il suo villaggio, la sua comunità con erbe contro ogni “invasore” virale per la salute fisica e usava estratti di erbe come echinacea e astragalo.. e tante altre cose.. So che i virus di oggi diventano ancora di più e molto più potenti di prima e sono capaci di modificare la loro “dna” per sopravivere nella nostra immensa e infinita Galassia.. Grazie Klara

  4. 21 marzo 2020 / ore 11:18
    Donatella

    Mi rendo conto che i commenti prima del mio sono vecchi di un mese.
    Ma avevate torto.
    Io ho votato che ho paura del contagio, ho sempre avuto paura, e se non avessero in troppi sottovalutato il problema, politici in primis, adesso non conteremmo più di 4000 morti.

    1. 22 marzo 2020 / ore 01:22
      Concetta Melchiorre

      Io prima avevo scritto che non avevo paura ma adesso si. E da quello che leggo e sento in questi giorni penso che ci saranno in futuro altre pandemie legate ai virus. Gli studiosi hanno spiegato che agli animali vengono somministrati tanti antibiotici che non curano ma irrobustiscono tanti virus che grazie all’adattamento possono mutare e passare dagli animali agli uomini. Che lo scioglimento dei ghiacci possono produrre altri virus mortali per noi. Che noi esseri umani stiamo vivendo una grande tragedia ma il nostro pianeta sta respirando perché ci sta molto meno inquinamento perciò concludo dicendo che ho paura di questo virus così come ho paura dei cambiamenti climatici e penso che se vogliamo salvarci dopo questa pandemia dobbiamo veramente cambiare il nostro stile di vita.

Rispondi a Donatella Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Confidenze