MENU

Cosa ne pensi?


Hai paura di un nuovo conflitto mondiale?

Loading ... Loading ...

Corriere della Sera 19 settembre: “La Nord Corea è un regime depravato, va isolato. Se ci attaccano non c’è altra scelta che distruggerli così il presidente Usa all’assemblea dell’ONU.

Repubblica 22 settembre: Pyongyang: “Pensiamo di far esplodere bomba all’idrogeno nel Pacifico”. Kim contro Trump: “Pagherà caro le sue minacce”.

Il Giornale 28 settembre: “Donald Trump invia asset strategici in Corea del Sud.  Da oggi gli Stati Uniti avranno la possibilità di schierare i propri asset strategici intorno alla penisola coreana per contrastare meglio le minacce militari della Corea del Nord”.

Sono alcune delle notizie che rimbalzano in queste ultime settimane, dove l’escalation delle minacce e insulti verbali tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Pyongyang ha oltrepassato il livello di guardia.

E mentre assistiamo attoniti a un botta e risposta che sembra più un braccio di ferro tra due ragazzini che un tentativo di mediazione di politica internazionale, ci viene istintivo pensare a quali conseguenze potrebbero esserci se la situazione dovesse scappare di mano (leggi se il tanto temuto lancio di un missile sul territorio americano dovesse avvenire).

Basteranno organismi internazionali come il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a fermare l’escalation? E se dovesse essere sganciata di nuovo una bomba atomica?

Così vi chiediamo di rispondere al nostro sondaggio: Hai paura di un nuovo conflitto mondiale?

Commenti

  1. 7 ottobre 2017 / ore 11:20
    Cinzia

    Abbiamo già visto in passato che basta una “mente calda ” ovvero un “pazzo” per far scoppiare terribili guerre.

  2. 9 ottobre 2017 / ore 10:54
    Donatella

    Certo … ho molta paura.
    Ho paura più di Kim che di Trump perché pur non stimandolo penso che Trump sia forse più “consapevole” del gioco pericoloso delle due parti.
    Così come ha fatto il cantante Albano Carrisi, che ha scritto personalmente al leader Kim scongiurandolo di non far scoppiare una guerra, penso che con l’utilizzo di tutti i mezzi di comunicazione che oggi disponiamo potremmo fare una raccolta di firme globale da inviare a entrambi. Un tentativo che anche noi persone comuni potremmo fare, io sarei la prima ad aderire.

Commenta anche tu!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Confidenze