MENU

Cosa ne pensi?


Mamme a tutti i costi: faresti un figlio da sola?

Loading ... Loading ...

Sono sempre di più le donne single che scelgono di mettere al mondo un figlio da sole, senza il sostegno di un compagno accanto.

Vuoi perché il desiderio di maternità arriva sempre più tardi e spesso non coincide con la presenza del partner giusto, vuoi perché arrivate alla scadenza dell’orologio biologico molte non se la sentono di aspettare oltre.

A dirlo è un articolo che compare oggi sul quotidiano La Stampa che riporta il considerevole aumento di adozioni e fecondazioni all’estero, da parte di donne sole italiane.

Com’è noto, la legge italiana (40/2004) non consente l’adozione ai single o alle coppie non sposate, (salvo i cosiddetti casi particolari del vincolo di parentela con il bambino), e non permette alle donne single di sottoporsi a trattamenti di riproduzione assistita. Una pratica che è invece legalizzata in molti Paesi europei, Spagna in testa, ma anche Belgio, Danimarca e Regno Unito, dove negli ultimi anni si è creato un vero e proprio turismo “riproduttivo” con cliniche e banche del seme, che permettono di avverare il sogno della maternità.

E non sono solo le famiglie arcobaleno a essere interessate al fenomeno, ma centinaia di donne che vorrebbero mettere al mondo un figlio, anche senza dargli un padre.

Nel 2016 sono state oltre 120 le donne single italiane, di una età media di 40 anni, che hanno fatto ricorso alle cure apposite per diventare madri, a Barcellona. Nel 2017, stando agli ultimi dati riportati da La Stampa, il numero sarebbe quadruplicato a 485. Per questo da molte parti si chiede di riempire un vuoto legislativo che penalizza il nostro Paese. E voi cosa ne pensate: sareste disposte a fare un  figlio da sola? A diventare mamme a tutti i costi?

Commenti

  1. 10 luglio 2019 / ore 07:26
    Giovanna

    No non lo farei perché è solo un discorso egoistico per soddisfare un’istinto materno. Un bambino ha bisogno di entrambe le figure.. Mamma e papà sono fondamentali per sviluppare tutte le sue caratteristiche e per formare la propria identità. Non per niente bimbi che crescono senza un genitore, magari perso prematuramente, hanno spesso problemi comportamentali o comunque mancanze. La natura deve fare il suo corso e noi dobbiamo prendere giuste decisioni per non ferire troppo i nostri figli

  2. 24 luglio 2019 / ore 07:49
    giusy oreni

    Sì, l’avrei fatto se mi fossi accorta che il mio compagno, da cui ho avuto il figlio/a non si rivela come dovrebbe essere: attento, non geloso del bimbo (cosa importantissima) collaboratore nel nuovo nucleo famigliare, amorevole e comprensivo nei miei confronti eccetera, eccetera. Allora si, la donna deve crescerlo da sola. Ho conosciuto coppie in cui la donna s’è cresciuta – davanti al proprio marito – la figlia o il figlio da sola! Il caro maritozzo si spacciava simbolicamente per il loro primo figlio! Donne donne eterni dei!

Rispondi a Giovanna Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Confidenze