Di quale libro ha bisogno la tua anima?

Mondo

Cosa cerchiamo in un libro? Evasione, conferme su noi stessi, nuovi eroi? Fate il test di Confidenze, io vi racconto il mio rapporto con la lettura

Per molti la letteratura è un fatto intimo e parlare dei propri libri e autori preferiti implica un disvelarsi a volte anche faticoso, uno scoprire quella parte di noi che non sempre siamo disposti a mettere in gioco e che solo pochi intimi, appunto possono conoscere.

Di quale libro ha bisogno la tua anima? È il titolo del test psicologico che trovate su Confidenze in edicola e che aiuta a capire qual è il genere letterario più consono a ciascuno di noi in un determinato momento. Perché inevitabilmente i gusti letterari cambiano e riflettono la nostra personalità e il cosiddetto spirito del tempo.

Vi è mai capitato di rileggere un romanzo preso in mano tanti anni prima e di trovarlo improvvisamente noioso? (A me sì. È successo con L’educazione sentimentale di Flaubert e un po’ mi è dispiaciuto, visto che ai tempi era stato uno dei miei faro guida).

Ma d’altronde in fatto di gusti letterari c’è chi si appassiona ai gialli e chi li detesta, chi divora libri di fantascienza e chi muore dietro a Madame Bovary. Chi legge romanzi storici e chi saggi a sfondo politico.

La domanda da farci è sempre la stessa: che cosa cerchiamo veramente nella lettura? Un’evasione dalla realtà? Una conferma del nostro modo di essere? Svago, divertimento, riflessione, avventura, fantasia? Quali risposte ci aspettiamo? E perché a un certo punto (sarà capitato a tutte) interrompiamo con la fatidica frase: non mi piace, non mi prende più?

Quando leggiamo speriamo di incontrare una parte di noi nei personaggi che prendono vita tra le pagine o siamo noi che alla fine ci trasformiamo e diventiamo come loro? E quando questo accade non è forse il segno della grandezza dell’autore?

Quante di noi nelle pene d’amore si saranno ritrovate nella vicenda di Anna Karenina e del Conte Vronskij, o nelle Affinità Elettive di Goethe, dove un micidiale gioco di coppie sconvolge le vite di quattro persone? E ancora chi non ha subito il fascino di Fabrizio Del Dongo, il personaggio di La Certosa di Parma di Stendhal? ( io ho sempre immaginato che dovesse essere un figo pazzesco…oltre che un grande sciupa femmine).

Non ho risposte da dare a queste domande, ma posso dire che solo due grandi scrittori hanno orientato le mie scelte e inciso sul mio animo: Thomas Mann e Marcel Proust. Nel primo ho trovato i classici romanzi di formazione:  La montagna Incantata, I Buddenbrook, Tonio Kroger, il Doctor Faustus, libri che erano specchio di una società in crisi, sull’orlo delle due grandi guerre mondiali e personaggi di uno spessore indimenticabile come Lodovico Settembrini e Adrian.

Nel secondo mi sono avventurata in un universo di difficile lettura e comprensione eppure così denso di emozioni e descrizioni che ruotano in  buona parte attorno al personaggio di Albertine, misteriosa ineffabile, musa dello scrittore, tanto da aver desiderato più volte di essere come lei (qualcuno si è preso la briga di contare quante volte compare il nome Albertine nei sette volumi della Recherche: 2.360 volte. Una battaglia impari).

E anche se dopo queste letture ne sono seguite altre e sono trascorsi anni, la mia disposizione d’animo non è cambiata. L’ho scoperto facendo il test psicologico su Confidenze: il mio profilo di lettura oscilla ugualmente tra le storie d’amore passionali e romantiche e le saghe familiari. In questo momento però alla domanda “Di quale libro ha bisogno la tua anima? “francamente non saprei cosa rispondere.

Forse rileggerei La Peste di Albert Camus o le pagine del De Rerum Natura di Lucrezio dove si racconta la Peste di Atene del 430 A.C. per trovare conforto a questo tempo incerto, cercando nel passato una risposta per il futuro.

Ma sono sicura che ognuna di voi troverà nel suo profilo di lettura una conferma o una sorpresa dei propri gusti letterari e magari la voglia di sperimentarne di nuovi. Perché questo è il bello di leggere: scoprire mondi nuovi.

Confidenze