Saranno amanti?

Sogni

Dietro una coppia seduta al ristorante ci possono essere infinite storie. E non sempre i gesti più teneri sono quelli degli amanti. Ne parliamo nel n 21

Una coppia al ristorante, occhi brillanti e mani che si cercano. Saranno amanti? Amici che si stanno innamorando? O forse si volevano bene, si sono persi e ritrovati? Oppure si amavano da tempo senza osare dirselo e adesso non possono più nasconderselo? I loro sguardi ridenti, i loro gesti timidi incuriosiscono. Se sei tu, che li vedi al ristorante, avresti voglia di sapere chi sono, qual è la loro storia, quali ostacoli hanno superato, quali paure li dividono, quale futuro li aspetta.

Ma il gioco funziona anche in un altro modo. Perché ognuna di noi è stata, con un fidanzato, un marito, un amante, la metà di una coppia seduta a un tavolo. È una situazione comunissima, ma piena di emozione. E chissà perché, quando ci si siede al ristorante, senza averlo pensato prima, senza averlo nemmeno immaginato, vengono a galla parole mai dette, sorprese, segreti scomodi o gioie impreviste.

Non solo tra amanti, anche tra marito e moglie. Perfino tra persone che vivono insieme da anni e che pensano di conoscersi.

Che cosa ci diremmo io e te, se fossimo noi due, seduti al ristorante? Io forse parlerei dei figli che non abbiamo avuto, tu di quello che la fortuna non ti ha dato. Io forse di progetti, tu di speranze. Io di una nuova casa, tu di un viaggio. O forse no, non parleremmo di niente. Forse ci guarderemmo negli occhi, con sorrisi non più giovani ma ancora veri, e ci cercheremmo la mano. Come se ci fossimo appena innamorati.

Dietro una coppia al ristorante ci sono infinite storie. Una, toccante e molto attuale, la trovate nel n 21. Alla Locanda di Giò, tra sogno e realtà, siede una coppia di amanti, che Giovanna Sica ha raccontato ed Elisabetta Reicher reso visibili (suo, il disegno sopra). Scoprite chi sono, non li dimenticherete.

Confidenze