Guardami!, la nuova parola d’ordine sul web

Mondo

L'esibizionismo erotico c'è sempre stato ma ora ha trovato nuova linfa vitale grazie alla tecnologia

L’esibizionismo erotico non è certo nato oggi. Ci sono sempre stati i chiacchieroni amorosi, quelli che lo fanno per raccontarlo, anzi, se non lo raccontano gli pare di non averlo fatto.

Giacomo Casanova, per dirne uno, ha passato la vita a collezionare amori, generosamente poi narrati nei dodici bellissimi volumi delle Memorie. Casanova scrive da vecchio, di cose ormai remote, ma nonostante sia passato tanto tempo, spesso protegge le sue donne chiamandole con nomi di fantasia.

Ben prima della tecnologia attuale, gli umani hanno sempre amato non solo fare sesso, ma vedersi durante l’atto, fin dall’antichità i bordelli avevano il soffitto a specchio, per raddoppiare il piacere con la vista. Finché la tecnologia e i social hanno fatto diventare  le riprese erotiche un’arma mortale, come nel caso di Tiziana Cantone, che si è suicidata per colpa della diffusione di un filmato.

Era successo anche a Paris Hilton, l’ex aveva addirittura messo in vendita il dvd di un loro incontro, dal titolo “Una notte in Paris”. Ma Paris  è miliardaria,  ovvero al disopra di ogni giudizio  e l’ha considerata un’ottima pubblicità. Comunque è una moda odiosa, perché favorisce la diffamazione e il ricatto, e adesso gli amanti prudenti ispezionano la casa del partner per scoprire eventuali telecamere nascoste.

In genere il movente della diffusione se non è il lucro è la vendetta, e la voglia di apparire: di solito, l’ex non famoso della persona famosa, come è successo a Belen, ma anche a tantissima gente sconosciuta, conosciuta poi sul web in seguito a indiscrezioni.

Ma il caso più clamoroso è accaduto all’Ikea di Shanghai, dove una coppia si è nascosta all’ora di chiusura, è rimasta dentro, e poi, nel più bel letto esposto in vendita, si è abbandonata a una notte di sesso, trasmessa in diretta via Web. Mezza Cina ha potuto  seguire la fantasiosa coppia che si esibiva sul letto più comodo del grande magazzino.

I gestori di Ikea (già molto innervositi perché i loro negozi sono presi d’assalto dai vecchietti che li usano come luoghi di ricreazione, dormendo sui divani e sui letti nelle ore di apertura, occupando in frotte i ristoranti con cibi portati da casa ) si sono disperati e indignati. Ma solo all’inizio: quando il letto usato per la performance è salito in testa alle vendite, hanno accettato con entusiasmo l’inusuale pubblicità.

Il business lava tutto. Si attendono emulazioni.

Confidenze