I Kennedy

Mondo

Ho pensato a J.F. Kennedy e Jackie come figure di un tempo lontano. E, come alla corte di Napoleone, c’erano tradimenti, intrighi, morti misteriose

 

Un presidente tira l’altro, l’ultima volta ho parlato di Trump, di Bill Clinton, di Hillary, così calati nel presente, e ho pensato a J.F. Kennedy e Jackie come a figure di un tempo lontano, con una tale patina di classicità da sembrare antichi come Napoleone e Giuseppina. E come alla corte di Napoleone c’erano tradimenti, intrighi, morti misteriose.

Jackie, come l’imperatrice, fu la donna più cornuta del suo tempo. Ma le storie di Kennedy non somigliavano alle turpi vanterie di Trump o alle sconce avventure di Clinton, erano più tragiche e silenziose. J.F.K. si innamorava. E quando propose a Jackie di sposarlo, era l’amante di Audry Hepburn. Mentre Jackie aspettava il primo figlio, se la filò in crociera con qualche amico, in uno yacht pieno di ragazze. Ma Jackie aveva classe, sapeva reagire ironicamente, e teatralmente. Suo marito aveva una tresca con Grace Kelly? Quando il Presidente venne ricoverato in clinica, Jackie gli organizzò una burla meravigliosa.

Appena J.F. Kennedy chiese un’infermiera, nella stanza, con la sua bella divisa bianca, con una siringa in mano, entrò Grace Kelly: ingaggiata da Jackie, si era prestata volentieri allo scherzo. Il presidente rimase annichilito mentre le due donne, per quanto rivali, si scambiavano sguardi divertiti. Era così che Jackie riusciva a trionfare sempre. Non per questo lui la tradiva di meno, ma lei riuscì sempre a tenere viva la sua attenzione.

Fu più duro sopportare la storia con Marilyn. Lei, oltre che una diva, era una ragazza semplice, e si vantava della relazione col Presidente: credeva davvero che lui avrebbe potuto divorziare per lei, divorziando così dal potere. Poi finì come finì, lei morì a 36 anni, si disse suicidio, si disse omicidio. Nessuno sa come andò, ma il sospetto graverà sempre sul clan dei Kennedy.

Poi Kennedy fu ucciso – da un pazzo, da un complotto? Il mistero della sua morte rimase insoluto, come quello della sua piccola attrice bionda. Jackie era con lui, ed essere la vedova di un martire la innalzò quasi alla gloria del calendario. Fu l’infelice e pacatissima moglie di Aristotele Onassis (le condizioni del contratto matrimoniale, furono che lui le versasse 20 milioni di dollari). Morì giovane. La sua vita diventò leggenda, e così quella di suo marito.

Con tutti i suoi punti oscuri, J.F. Kennedy fu uno dei più grandi presidenti. E poi, qualche decennio dopo la loro morte, ci fu un epilogo tristissimo… ma lo spazio è finito, magari un’altra volta.

Confidenze