MENU

Cosa ne pensi?


Sei favorevole al ritorno della leva obbligatoria?

Loading ... Loading ...

L’obbligo del servizio militare è stato eliminato definitivamente nel 2004 dopo essere stato per più di un secolo un appuntamento inderogabile per ogni giovane.

Introdotto con la nascita del Regno d’Italia, nel 1861, ha segnato intere generazioni rappresentando un passaggio obbligato che per molti significava l’ingresso nell’età adulta e l’uscita dal nido familiare. Quell’anno di naja serviva a confrontarsi con una disciplina militare che forse nella vita sarebbe tornata utile e non solo a fini bellici.

Per la maggioranza dei ragazzi però in concreto si traduceva in un anno perso, di sospensione dallo studio o dal lavoro e quando nel 1972 fu riconosciuta l’obiezione di coscienza e l’istituzione del servizio civile quale alternativa all’esercito, furono in molti a scegliere questa via come più formativa del maneggiare armi.

Poi la fine della corsa agli armamenti e il periodo di pace più lungo attraversato dal nostro Paese hanno fatto il resto e la decisione di abolire la leva obbligatoria è arrivata nel 2004. Di fatto oggi il servizio militare è d’obbligo solo per chi vuole diventare poliziotto, carabiniere, finanziere o vigile del fuoco.

In queste ultime settimane però il Ministro dell’interno Matteo Salvini ha rilanciato l’idea di riportarlo obbligatorio per tutti i ragazzi (e le ragazze visto che dal 1999 è stato esteso in forma volontaria anche al sesso femminile). Per ora si tratta di una sua posizione personale e non di un’intenzione del governo, ma c’è da credere che siano in tanti italiani a pensarla come lui.

Dell’argomento parliamo su Confidenze nella pagine di Le risposte dell’anima, qui vi chiediamo di rispondere al nostro sondaggio: sei favorevole al ritorno della leva obbligatoria?

 

Commenti

  1. 28 giugno 2018 / ore 11:46
    Edi Morini

    La difficile e dolorosa arte della guerra NON deve diventare un obbligo. Può rappresentare una scelta professionale, ma deve trattarsi di una scelta esclusivamente volontaria. Quanto ai valori di solidarietà, condivisione e disciplina che il servizio di leva trasmetterebbe, occorrerebbe allora estirpare il complesso fenomeno del nonnismo che non mi pare educativo. Il compito di educare i giovanissimi a determinati valori compete piuttosto alla famiglia e alla scuola, che devono iniziare ad adempierlo seriamente ben prima, fin dall’infanzia.

  2. 3 luglio 2018 / ore 22:58
    concetta melchiorre

    Assolutamente contraria !!! Io sono per la pace

Commenta anche tu!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Confidenze