Che effetto fa separarsi a 70 anni?

Mondo

Crescono in Italia i divorzi grigi, dopo i 65 anni. Ne parliamo su Confidenze n. 12 con tre testimonianze vere che fanno pensare

Che effetto fa separarsi a 70 anni?

Me lo chiedo ogni volta che vedo Alda e Pino. Tutti e due intorno ai 70, sono insieme da una vita. Ed è una vita che discutono per tutto e per niente. Per il riscaldamento che è troppo alto (per lui) e troppo basso (per lei), per i soldi che si spendono (troppi per lui, pochi per lei), per i sacrifici che hanno fatto (lei accusa lui, lui accusa lei), per la pasta troppo cotta (per lui) e poco cotta (per lei), per la porta chiusa male (e se tornano i ladri? L’altra volta era stata colpa tua, no tua…).

Tante coppie, a questa età, discutono, ma c’è il borbottio alla Sandra e Raimondo, pieno di affetto e di calore reciproco, e c’è il litigio costante, che nasconde rancori non risolti, rabbia accumulata nei confronti dell’altro, accuse stantie ma mai dimenticate.

E in questi casi me lo chiedo sempre: perché non si separano?

Fino a qualche anno fa, gli over 65 raramente divorziavano. Oggi, invece, secondo i dati dell’associazione legale Family Legal, i “divorzi grigi” tra i 65 e gli 85 anni, sono cresciuti, solo nel 2014, del 35% in Italia. Una tendenza che viene dagli Stati Uniti, ma che non riguarda più solo le coppie famose. Chi decide di troncare? I casi alla Susan Sarandon, che ha chiuso dopo i 60 una relazione ultraventennale e, pare, ha lasciato di recente anche l’ultimo compagno, sono rari. Nel 75% dei casi sono gli uomini a sciogliere il rapporto.

E le donne come la prendono? Ne parliamo nel n. 12 di Confidenze, con testimonianze vere che ci aprono gli occhi.

tavolarotonda12

C’è la storia di Gabriella che, dopo 50 anni di un matrimonio segnato da violenze fisiche e psicologiche, trova la forza di andarsene, sorretta dai figli. C’è quella di Giovanna, abbandonata da un marito che l’ha lasciata per una giovanissima. E quella di Irma, la testimonianza che mi ha colpito di più: lei scopre che il marito la tradisce con un’amica, come nel più squallido dei copioni. Piena di vergogna e di dolore, Irma chiede il divorzio, anche se i figli le chiedono di ripensarci. Ma lei tiene duro, si ricostruisce una vita, e oggi ha un nuovo compagno ed è più serena.

Mi piace questa storia perché conferma che, davvero, si può ricominciare, rinascere, darsi nuove opportunità a qualunque età. Anche dopo un divorzio doloroso.

La prossima volta lo dico ad Alda…

E voi che cosa ne pensate dei divorzi grigi?

Confidenze