La mia colazione per l’intestino pigro

Natura

Con gli ingredienti adatti, il primo pasto della giornata diventa un alleato della regolarità intestinale e aiuta a contrastare stitichezza e gonfiore addominale

Sedersi a tavola e gustarsi una colazione salutare e ricca è un modo intelligente di iniziare la giornata: attiva il metabolismo, segnalando al corpo che c’è disponibilità di “carburante” e che quindi tutte le sue funzioni e attività possono mettersi pienamente in moto, e offre il necessario nutrimento persino al cervello dopo il lungo digiuno notturno, così i riflessi sono pronti, la mente è in grado di concentrarsi, l’umore si orienta più facilmente al positivo.

 

Quando però ci si sente gonfi e appesantiti, perché l’intestino ha perso il suo ritmo, la prospettiva di mangiare di prima mattina può sembrare poco allettante.

 

In realtà, scegliendo gli alimenti giusti, il pasto con cui apri la giornata diventa una risorsa efficace per promuovere la motilità intestinale e contrastare la stitichezza.

 

Quel che occorre per preparare la colazione adatta a stimolare la regolarità dell’intestino sono pochi minuti e questi ingredienti:

 

  •  5 cucchiai di fiocchi di avena integrale
  •  2 prugne secche
  •  2 fichi secchi
  •  1/2 banana molto matura
  •  1 cucchiaio di semi di lino
  •  latte vegetale quanto basta (puoi sceglierlo di soia, di kamut, d’avena, di mandorla, sulla base delle tue preferenze).

 

Il procedimento è semplicissimo: basta versare i fiocchi in una tazza, aggiungere la frutta tagliata a pezzetti, i semi di lino e il latte vegetale. Non c’è bisogno dello zucchero, perché il sapore sarà naturalmente dolce e gradevole. Perché si esprimano al meglio gli effetti delicatamente lassativi della mia colazione per l’intestino pigro è preferibile masticare il tutto con calma e bere un bicchiere d’acqua sia in apertura che in conclusione del primo pasto della giornata.

Aiuti ancora di più il tuo intestino a “riprendere il passo” se, dopo aver fatto colazione, lasci l’auto in garage e inforchi la bicicletta o decidi di percorrere un tratto a piedi per avvicinarti al posto di lavoro, fare la spesa, raggiungere il parrucchiere o andare ovunque ti chiami la tua giornata.

 

Confidenze