Federica Sciarelli: «Tutti ci chiedono aiuto»

News

Da martedì 17 è in edicola il n 48. Con 11 storie vere di donne coraggiose, esempi di positività che danno speranza. E poi, le coccole beauty da fare in casa, la cucina di stagione, le novità sul bonus banda larga

Questa settimana la nostra copertina è dedicata a Federica Sciarelli, la giornalista che, con Chi l’ha visto?, raccoglie moltissime segnalazioni di persone scomparse. «Certo, con la pandemia c’è meno gente che scompare, visto che gli anziani stanno di più in casa ed è difficile che un malato di Alzheimer esca da solo. Però, ci sono tante persone che vanno letteralmente fuori di testa per l’angoscia» ci racconta la giornalista, dal 2004 impegnata alla conduzione del programma di Rai3. E ora arrivano anche altre richieste di aiuto: «Ci chiama chi non riesce a fare i tamponi, chi si sente “ostaggio” delle Asl, oppure chi ha i genitori o i nonni nelle case di riposo, non può andarli a trovare e si preoccupa per i parenti che restano soli. Insomma, tutti ci chiedono aiuto. E noi interveniamo mostrando micro-video con i loro appelli». Il suo è un servizio pubblico, che la fa sentire orgogliosa di ciò che fa. «Abbiamo una banca dati pazzesca, che è un patrimonio per tutti. Di ogni scomparso chiediamo ogni particolare (abbigliamento, tatuaggi, cicatrici, malattie) e altri dettagli che magari in trasmissione non riveliamo. Così, quando c’è da fare un riconoscimento, capita che le forze dell’ordine ci chiedano aiuto» racconta, rivelando di avere collaborato a volte anche con le forse di polizia francesi. Un lavoro totalizzante, il suo, dal quale non stacca nemmeno quando è in vacanza: «Pensate che un paio di estati fa ho fatto il giro della Sicilia a cavallo delle due ruote: 50 km al giorno. E a ogni tappa mi sono accorta che mentre gli altri ammiravano paesaggi e monumenti, in ogni luogo io ricordavo un omicidio o una scomparsa finita male…» rivela. Per chiudere con un appello sul distanziamento sociale: «È necessario, anche se faticoso, soprattutto per i giovani. E lo dico io, mamma di un ragazzo di 25 anni».

Al centro del numero, le nostre storie vere: questa settimana dedicate a tanti esempi di donne coraggiose, in amore come nella professione. Donne capaci di rialzarsi dopo una delusione, di scegliere percorsi alternativi, di difendere le loro passioni, di ricominciare a vivere quando tutto sembra crollare. 11 esempi di positività, che danno speranza.

E poi, in questo numero, parliamo di coccole di bellezza per viso, corpo e capelli, da fare a casa come se fossimo in una spa. Di moda, con tutti i look giorno-sera che si possono inventare attorno a una giacca nera in ecopelle. Di cucina, con le zuppe e le ricette a base di legumi antichi da riscoprire; di bonus banda larga per facilitare l’accesso a internet.

Cercatelo in edicola a partire da martedì 17!

Confidenze