Cosa ne pensi?


Cani e gatti in ufficio: sei d'accordo?

Loading ... Loading ...

Oggi 10 dicembre è la giornata internazionale dei Diritti degli Animali che si tiene in concomitanza con l’anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, a testimoniare quanto la libertà e il rispetto siano diritti fondamentali per tutti gli esseri viventi.

Per questo vi chiediamo un parere su una notizia che farà la felicità di molti amici dei quattrozampe. I dipendenti delle ex-asl milanesi (ora ATS, Agenzie di Tutela della Salute) potranno portare sul luogo di lavoro i loro animali domestici, come cani e gatti.

A stabilirlo è uno specifico regolamento dell’azienda sanitaria, che definisce un vero e proprio codice di condotta per i lavoratori interessati. Potranno varcare i tornelli aziendali con i loro padroni solo cani e gatti sotto i 25 Kg di peso, dotati di microchip e in regola con le vaccinazioni. Per gli animali di peso maggiore ci vuole uno specifico nulla osta del veterinario.

I dipendenti che intendono portare in ufficio il proprio animale dovranno presentare la domanda al capo-ufficio e in caso di spazi condivisi, la presenza dell’animale dovrà essere concordata con gli altri colleghi di lavoro.

L’obiettivo dell’ATS lombarda è migliorare la qualità della vita dei dipendenti, spesso costretti a lasciare da soli tutto il giorno i loro animali. Studi specifici hanno inoltre dimostrato che la vicinanza con il proprio cucciolo riduce lo stress lavorativo e rende più stimolante l’attività, creando anche maggiore empatia tra le persone.

Nell’area metropolitana della città di Milano si contano iscritti all’anagrafe regionale 351.000 cani e quasi 50.000 gatti. Nella sola città di Milano i cani iscritti all’anagrafe sono 104.067  e i gatti 24.877.

ATS Milano conta 1800 dipendenti e più di 60 uffici sul territorio e rappresenta una delle più grandi  agenzie di tutela della salute a livello nazionale.

L’iniziativa parte come sperimentazione, ma il nuovo regolamento potrebbe essere esteso durante il 2019 anche alle altre sedi regionali. Ricordiamo che nella Regione Lombardia già dal 2017 è stata data la possibilità ai pazienti ricoverati nelle strutture ospedaliere pubbliche e private convenzionate, di ricevere la visita dei loro animali domestici, ora è la volta degli impiegati. Buona pace permettendo dei colleghi di ufficio.

Per questo vi chiediamo di rispondere al nostro nuovo sondaggio: Cani e gatti in ufficio: sei d’accordo?

Commenti

  1. 10 Luglio 2019 / ore 07:21
    Giovanna

    No non sono d’accordo per un semplice motivo. Credo che il luogo di lavoro debba restare un posto professionale e non ludico. Un cane, pur tranquillo che sia, è motivo di distrazione.. Vuole attenzioni e penso che l’ufficio non sia il posto adatto per dargliele. Amo molto gli animali ma penso che debbano esserci delle regole.

Commenta anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Confidenze