Matilde Gioli: «Col camice in tivù sono a mio agio»

News

Da martedì 3 novembre, cerca in edicola il n. 46. Con 11 storie vere che commuovono, la moda calda, comoda e bella per stare in casa, le ricette a base di zucca. E molto, molto di più!

Protagonista della copertina di questa settimana, Matilde Gioli. La vediamo su Rai 2 nella seguitissima fiction Doc – Nelle tue mani, dove interpreta una dottoressa non sempre simpatica: «La fiction è ispirata a una storia vera, quella del medico Pierdante Piccioni, primario del Pronto Soccorso di Lodi. Come lui, il nostro protagonista, Andrea Fanti (interpretato da Luca Argentero, ndr) ha perso la memoria degli ultimi 12 anni di vita. Io sono Giulia Giordano, un medico, ma anche la donna che lo ama e che lo ha aspettato tanto. Peccato che lui della nostra storia non si ricordi e, anzi, corteggi la ex moglie. Un incubo, non vi pare? Ecco perché Giulia, che è piuttosto antipatica, va perdonata» ci ha raccontato l’attrice. Che, da parte sua, è solare e sorridente. Se riesce con facilità a calarsi nel ruolo di un medico è perché, confida, ha passato mesi in ospedale: «Avevo 16 anni e durante una vacanza-studio a Londra ero in piscina. Lì, un ragazzo, tuffandosi, mi è piombato sulla schiena con i suoi 90 chili, danneggiandomi cinque vertebre. I miei genitori erano tranquilli al mare quando una telefonata li ha avvisati che avevo avuto un brutto incidente e che probabilmente non avrei più camminato. Mi sono stati sempre accanto, senza farmi percepire il loro terrore, meravigliosi. Il ricovero è durato quattro mesi» ricorda. Un’esperienza delicate, che non ha intaccato il suo spirito positivo. «Resto ottimista, estroversa e fiduciosa nel prossimo». Dopo avere debuttato nel cinema nel 2014 con il film Il capitale umano di Paolo Virzì, Matilde ha interpretato molti film e fiction. E l’amore? «In questo momento sono single e non ho fretta di trovare l’amore. Di un uomo non mi fa girare la testa l’aspetto fisico. Non sono attratta dalla bellezza, ma dai difetti, le ombre, le occhiaie, le cicatrici, i segni della vita» confida. Ma i tanti amici e gli animali, che ama immensamente, non la fanno mai sentire sola.

Cos’altro trovate in questo numero? L’attualità, con un articolo sulle truffe online (com’è facile caderci!) e un approfondimento sugli “angeli del clima”, ovvero persone comuni che decidono di darsi da fare per l’ambiente (volete essere dei loro? Si può).  11 storie vere forti e toccanti (per sognare, sorridere, commuoverci). La moda all’insegna della comodità (se dobbiamo stare in casa…) con capi gym ma eleganti e pull caldissimi. La cucina con le ricette a base di zucca (salate o dolci? Tutt’e due!).

Ma, come sempre, questo è solo un assaggio.

Scoprite il resto nel numero in edicola!

Confidenze