Cosa ne pensi?


Ti sposeresti dopo i 60?

Loading ... Loading ...

Le cronache del jet-set ci riportano le immagini di nozze imminenti tra coppie ormai più in età da nonni che da luna di miele. E il fenomeno sembra in aumento: Jerry Hall, ex modella, nonché ex moglie del re del rock, Mick Jagger, a marzo ha impalmato “lo squalo” Rupert Murdoch, il magnate australiano dell’editoria: 84 anni lui, 59 anni lei.  Si sono detti sì a Londra, alla presenza dei numerosi figli. Lui è al quarto matrimonio lei al secondo.

Ed è di pochi giorni fa la notizia che l’ex moglie di Julio Iglesias, la bellissima Isabel Prevsler , 65 anni,  avrebbe ricevuto una proposta di matrimonio dall’ottuagenario scrittore, Premio Nobel, Mario Vargas Llosa. Un amore tardivo e travolgente, che arriva naturalmente dopo precedenti matrimoni (tre per Isabel e uno non ancora del tutto sciolto per Vargas Llosa).

Certo direte voi, loro sono belli, ricchi e famosi, e possono permettersi di ricominciare, mettendo nero su bianco nei patti pre-matrimoniali cosa lasciare e cosa no al consorte.  Ma per la gente comune, contrarre un nuovo matrimonio a una certa età, quando alle spalle ce n’è già uno finito, non è un passo facile. E spiace dirlo, ma uno degli ostacoli più insormontabili alle nuove nozze spesso sono proprio gli interessi economici, la tutela degli assi ereditari dei figli e dei beni acquistati in un vita di lavoro.

Detto questo, al cuor non si comanda, e quindi vi chiediamo nel sondaggio: Ti sposeresti dopo i Sessanta?

Commenti

  1. 12 Luglio 2016 / ore 17:26
    santi urso

    Voto sì e scopro, con stupore, che nel sondaggio c’è (alle 17 del 12 luglio) una maggioranza bulgara per il no. Voglio sperare che dipenda da una lettura un po’ distratta della domanda: quello che si chiede e se ci si ri-sposerebbe dopo i 60 (anche, per esempio, con un amore da cui la vita ci ha diviso o per un legame ostacolato o semplicemente non ancora contrattualizzato). In qualche risposta sembra persino di leggere una sentenza di condanna per l’età: ma i sentimenti non conoscono stagioni della vita. Uno è da rottamare solo se invece che sogni e progetti si mette a fare bilanci. E’ peraltro evidente che se la domanda si riferisse a prime nozze, bisognerebbe andare molto cauti. Chiunque fosse arrivato a 60 senza almeno un affetto dimostrato (un’eredità di affetti, per fare il verso al Foscolo), avrà un difetto di fabbrica che non va sottovalutato.

    1. 14 Luglio 2016 / ore 18:01
      giuliana maldini

      ma perché no?! i sentimenti non hanno età (concordo con Urso) anche se sarebbe interessante approfondire e spostare un po’ l’argomento sul concetto di rottamazione. Queste belle donne sessantenni si sono sposate con ultraottantenni ma esiste qualche coppia al contrario? Per esempio una ottantenne con un maschio sessantenne? I maschi anzianotti, contrariamente alle signore coetanee, non sono mai rottamati. E comunque i sogni e i progetti sono il sale della vita a qualsiasi età.
      Rosa V. (ultrasessantenne femmina-femminista)

    2. 14 Luglio 2016 / ore 21:37
      Annamaria Bortolan

      Il difetto di fabbrica possono averlo anche i separati, divorziati o vedovi. Io ho risposto sì, teoricamente, mi sposerei o risposerei. Ho messo il sì come risposta perchè un matrimonio può funzionare anche senza avere figli, anzi. Anche se molte donne evitano di sposarsi per non dover fare da serve a uomini spesso ingrati, egoisti e incapaci di badare a se stessi. E pure infedeli, magari. A volte questi possono essere i motivi che tengono le donne alla larga dal matrimonio. Aggiungiamoci pure la violenza, visto quello che ci riportano le cronache, e magari salta fuori che in realtà a esser difettato è chi si è sposato senza capire con chi aveva realmente a che fare. E inoltre chi si è sposato e ha fallito non è difettato secondo lei?

  2. 12 Luglio 2016 / ore 17:27
    Angela

    Assolutamente no!
    Dovrei essere veramente fuori di testa…innamorata persa..e la vedo difficile.
    Al contrario potrei prendere in considerazione una affettuosa amicizia..una unione fatta di complicità e scambi di opinioni…occasioni per stare insieme e divertirsi ancora con viaggi e spettacoli di cinema o teatro letture ecc.
    Ma rigrosamente ognuno a casa propria!

  3. 14 Luglio 2016 / ore 14:14
    Bruna

    Penso di sì, ovviamente se ne valesse la pena. Qualcuno che possa arricchire la nostra vita è raro a trovarsi, ma finché si è vivi in due si è più creativi 🙂

  4. 15 Luglio 2016 / ore 11:00
    santi urso

    Gentile Bortolan, mi sono permesso di intervenire quando ho visto, su fb, che molte risposte si ispirarano alla convinzione che, in campo sentimentale, avere 60 anni sia molto diverso da averne 20. Ritengo di no. Che poi un’esperienza matrimoniale in età matura possa essere molto meditata, questo è un aspetto tecnico. Ma, come dice Angela
    Dovrei essere veramente fuori di testa…innamorata persa..
    ecco, credo che questa condizione non dipenda dalla morfologia. ammetto che sia difficile.
    Quanto ai difetti, in verità concordo con lei, ma, siccome l’essere umano è un animale sociale, chi avesse attraversato così tanta parte di vita senza socializzazioni (anche conflittuali) qualche cautela in più la richiede.

  5. 19 Luglio 2016 / ore 17:30
    Liza

    Siii. Perchè ho 40 anni e non ne ho ancora avuto il tempo. Vedo le mie nozze lontanissime…

Commenta anche tu!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Confidenze